Senza categoria

IL WEB SA ABBRACCIARE FORTISSIMO 

3 Ottobre 2016

Quello appena finito è stato un fine settimana speciale.
Le cose speciali, si sà, rendono la vita migliore a chi ne è protagonista ma anche a chi gli è vicino,come una luce riflessa, nella vita reale ma ancora più facilmente nel web, dove si abbatte ogni barriera di spazio e di tempo.

Ed è per questa ragione che voglio condividere con voi (tutti) il sorriso di questi giorni. Un sorriso che, finalmente, a volte capita ed hai bisogno di urlarlo a chi senti vicino, a chi ci crede, a chi ti vuole bene e ti supporta in ogni modo, come può, com’è nelle proprie corde, nel suo modo di vivere.

Ma tu lo senti sempre quando c’è questo sentimento ed io mi sento fortunata perché mi accorgo, ogni dì, di avere persone che mi vogliono bene e che, udite udite, gioiscono delle mie gioie, sorridono se mi vedono sorridere.

 Il che non è una banalità, anzi.

Ve lo giuro, non esiste una soddisfazione così da gonfiare cuore e pensiero e darmi la

consapevolezza che qualcosina-ina-ina di buono la faccio pure io e l’entusiasmo per continuare a fare ciò che voglio fare.

Tutto questo giro di pensieri ed emozioni per raccontarvi che sabato mattina mi è arrivato un messaggio, che cito testualmente, da un amico che dice : “Compra Vero….” (il settimanale che vende 500.000 copie a settimana, se non erro il più venduto d’Italia).

Io ero al parco con mio figlio, dopo qualche scivolata vado in edicola, compro VERO e boom: ci sono io!

 A pagina 82 e per tutta la pagina ci sono io, la mia faccia, il mio blog, la mia storia. 

Mi sono così emozionata che sono riuscita a leggere l’articolo verso le 18,00. Non scherzo, dovevo calmarmi. 

Quella pagina ha attivato nel mio cervello tutto quello che è stato, ho visto il mio impegno riconosciuto e questo è già tantissimo. 

Ma quello che ho avuto dopo è stato ancora meglio: l’affetto di tutte le persone che mi hanno stretto l’occhio e dato una pacca sulla spalla da Facebook a Whatsapp, da Twitter a Instagram, passando per smartphone o da una semplice telefonata. Tutto questo tripudio di presenze mi ha ricordato,semmai lo dimenticassi, che vale sempre la pena impegnarsi in ciò che si crede.

Fatelo, fatelo tutti perché tutti, come me, potete farlo. 

Impossibile è una parola sconosciuta.

Ti potrebbe interessare

Nessun commento

Rispondi