Senza categoria

IL MOMENTO NO.

30 Giugno 2016

Il cosiddetto momento NO, quello difficile, che fa soffrire, che abbatte l’umore, quello che sembra insormontabile e non passare mai. Ognuno di noi almeno una volta c’è passato, è la vita che decide nonostante noi .
È una delusione d’amore, un problema sul lavoro, una lite tra amici o parenti. E quando è più grave è un problema di salute. 

Ed io proprio su questo vorrei porre l’accento, sulla salute che è la vera cosa che conta . 

Poco tempo fa un mio caro amico che per mestiere fa il cardiochirurgo, in una delle tante nostre conversazioni sulla medicina e sui malanni di mio figlio, sentendomi agitata mi ha detto: ” Rò, mettiti in testa che la malattia fa parte della vita”. 

Mi ha talmente colpita questa frase, come se mi avesse detto una novità sconvolgente, una cosa impensabile, forse perché la mente lo rifiuta come pensiero.

Perché spesso ci sentiamo invincibili, convinti che :” a me non capiterà mai” ed invece può capitare e poi non c’è rassegnazione.

Perché di fronte ad una malattia si ha paura,si prova sconforto, la si odia qualunque sia l’entità.

Io solo per una innocua febbre di mio figlio vado nel panico e penso sempre al peggio, mi sento angosciata, non dormo per monitorarlo , mi chiudo in casa con lui per una settimana, non lo lascio neanche cinque minuti e massacro letteralmente tutti i pediatri che conosco e mi confronto di continuo con gli amici medici.

Lo ammetto, mi comporto così quando mio figlio sta male.

Invece Gianluigi, questo il nome del cardiochirurgo ( il mio amico che vedete in foto) con la sua calma serafica di chi vede toraci aperti tutti i giorni, malati gravi, chi combatte per la sopravvivenza sentenzia che la malattia fa parte della vita e noi dobbiamo affrontarla con serenità. 

Ma una ansiosa come me come fa???

Non vi nascondo che c’ho riflettuto molto, anzi moltissimo, questa frase mi ronza sempre nella mente. E ho capito che quello che dice Gianluigi è vero. 

Quella con la malattia è una convivenza che durerà tutta la vita, sia essa una tosse, una febbre, un’infezione o cose più gravi che non voglio nemmeno menzionare. Una convivenza sempre difficile, specialmente quando riguarda i nostri figli, ma deve diventare serena perché è l’unico modo che permette di mantenere la mente lucida ed essere pronti e attenti per affrontarla.

Ed è stato in questo momento che ho compreso l’unica cosa che conta nella vita: la salute, nient’altro.

Un amore finisce, ne inizia un altro e si torna ad essere felici. 

Il lavoro, se si ha buona volontà e pazienza, si riorganizza nonostante il momento di crisi. Le amicizie si recuperano se ne vale la pena o se ne fanno altre .

Ma quando manca la salute non c’è spazio per null’altro. La serenità si conosce solo se siamo in salute, niente può sostituirla.

E godiamocelo il benessere quando c’è, se abbiamo la possibilità di sorridere facciamolo.

Ma soprattutto diamo il giusto ordine alla nostra vita, ripristiniamola in ordine di importanza e capiremo la bellezza di questa esistenza che è un regalo che riceviamo una volta sola.

Facciamo tesoro dei momenti felici e, con intelligenza, cerchiamo di averne sempre più.

Ti potrebbe interessare

2 Commenti

  • Avatar
    Azzurra 12 Ottobre 2016 at 12:41

    Brava Ro hai ragione e soprattutto niente conta più della salute dei nostri figli!!

    • Rosangela
      Rosangela 2 Dicembre 2016 at 11:12

      Ciao Azzurra, quando sei mamma capisci davvero quello che conta nella vita. E nulla vale se tuo figlio è malato, nulla ha senso e niente è più importante. Niente. Un bacio.

    Rispondi