About me

I NONNI, PIÙ DI TUTTO AL MONDO

5 Dicembre 2015

Siamo ormai in pieno clima natalizio, il periodo più bello dell’anno per atmosfera, sentimenti, legami, famiglia.
C’è un pensiero in particolare a cui questo momento di festa mi rimanda ed anche con una certa forza: i nonni, i miei ed ora anche quelli di mio figlio, la loro figura assoluta ed insostituibile. Forse perché lego la dolcezza di questo momento a quella di cui solo i nonni sono capaci, forse perché per me è sempre stata fondamentale la loro presenza, un pilastro d’amore unico che a Natale diventa idilliaco.
E quando non sono più con noi perché continuano a farci luce da lassù , ci mancano fortemente e la dolcezza del Natale si trasforma in una piccola ferita, perché è ora che li teniamo più stretti nel nostro cuore ,immaginando come sarebbe stato adesso con mio figlio che gli gironzolava intorno e a quanto amore lui stesso ha perso non avendo avuto la fortuna di viverli così come li ho vissuti io. Io sono fortunata, ho ancora una nonna , una super nonna ma tutti gli altri sono volati via, ed è sempre troppo presto quando vanno via , anche a cento anni. Mia nonna materna, nonna Angelina che ha vissuto nella nostra stessa casa per moltissimi anni , aveva 96 anni quando è morta. Io ho provato un dolore davvero grande,che non mi aspettavo, dopo ho capito che questo dolore scaturiva dalla tenerezza di questa dolce nonna, indifesa, arrivata alla sua ultima corsa. Abbiamo fatto di tutto per trattenerla ma era arrivato il suo momento e noi umani, di fronte a ciò, siamo impotenti. Ricordo l’ultimo regalo di Natale che le feci: un paio di pantofole. Aveva le piaghe ai piedi ,le ferite che la condussero alla morte, faceva molta fatica a camminare. Ma infilo’ subito quelle pantofole, perché queste si che erano comode e l’aiutavano a camminare! Perché quelle pantofole ero stata io a comprarle. Un piccolo gesto che l’ha resa felice, basta poco, basta volergli bene e non potrebbe mai essere diversamente . Come una bambina innocente ,mi colpii quel gesto, quelle parole. E ancora mi trema il cuore quando ci penso.
Ora la immagino guarita, forte, una roccia come sempre lo è stata, ci sorride e ci ama più di quanto in Terra sia possibile. E io la sento vicina.
Buon Natale nonna, ancora una volta e per sempre!

Ti potrebbe interessare

Nessun commento

Rispondi